Lettera dagli sviluppatori: problemi recenti e cosa stiamo facendo a riguardo

Sappiamo che negli ultimi mesi sono comparsi problemi che hanno avuto un impatto non indifferente sul gameplay. Vogliamo quindi soffermarci un attimo per affrontare questo argomento.

Ciao a tutti!

Sappiamo che negli ultimi mesi sono comparsi problemi che hanno avuto un impatto non indifferente sul gameplay. Vogliamo quindi soffermarci un attimo per affrontare questo argomento. Siamo consci che i problemi riportati di seguito siano risultati molto frustranti e siamo dispiaciuti del fatto che non siano stati risolti per così tanto tempo.

Prima di tutto, vogliamo fare una breve dichiarazione sul cheating. La lotta contro giocatori sleali è una delle nostre massime priorità e facciamo affidamento a più team interni e risorse esterne per trovare nuove soluzioni a questo problema. Condivideremo maggiori informazioni sugli sforzi compiuti finora nella nostra prossima lettera alla commmunity e annuncio della Roadmap 2020 all’inizio di marzo.

Ora parliamo di alcuni degli altri problemi, perché sono tali e cosa stiamo facendo al riguardo.

Problemi di prestazioni (FPS), scatti, blocchi e crash

Abbiamo ricevuto numerose segnalazioni in merito a problemi di prestazioni, tra cui calo degli FPS, scatti e blocchi del gioco e, nonostante i nostri sforzi, abbiamo riscontrato che le segnalazioni di problemi di prestazioni e gli arresti anomali hanno continuato ad aumentare di numero dall’aggiornamento di gennaio.

Il nostro team di sviluppo sta conducendo test e analisi nel tentativo di identificare e risolvere i problemi che causano la perdita di prestazioni e i blocchi del gioco. Questo è reso più difficile dal fatto che alcuni di questi problemi si verificano su hardware specifico o in situazioni difficili da riprodurre. Per risolvere problemi legati alle prestazioni del gioco occorre rintracciarne la causa, il che spesso implica la necessità di riprodurre i passaggi specifici che portano al problema. Vogliamo ringraziare tutti coloro che ci hanno inviato i replay e i dati del proprio sistema nel tentativo di aiutarci a identificare la causa di questi problemi.

In caso doveste riscontrare cali delle prestazioni, scatti o crash del gioco, vi preghiamo di contattare il nostro servizio di assistenza tramite PUBG.com/support e condividere quante più informazioni riguardo al vostro hardware e qualsiasi altra informazione ritenuta pertinente.

La soluzione dei problemi legati alle prestazioni è una delle nostre priorità assolute. Ringraziamo tutti coloro che ne sono coinvolti per la vostra pazienza.

Attacchi DDoS ai server di gioco

Come già successo ad altri giochi online, anche i nostri server sono stati oggetto di attacchi DDoS (acronimo di Distributed Denial of Service) intermittenti. Quando un server di gioco viene colpito da attacchi DDoS, tutti i giocatori presenti sul server riscontrano numerosi problemi di connessione quali ritardi di rete, un aumento significativo del ping e una significativa perdita di pacchetti. Sfortunatamente, questi dobbiamo affrontare queste situazioni con sempre maggiore frequenza: lo scorso novembre, l’intensità degli attacchi è aumentata a un livello che non avevamo mai visto prima, per aumentare ancora di più febbraio.

Il nostro team di sviluppo ha aumentato il numero di difese contro attacchi DDoS, lavorando con vari provider di infrastrutture server e analizzandone l’efficacia al fine di proteggere i nostri server di gioco e fornire un servizio più stabile. Allo stesso tempo, stiamo lavorando su un nuovo sistema di difesa appositamente progettato per proteggere i server di gioco PUBG.

Nei vari test delle soluzioni atte a contrastare gli attacchi DDoS, la posizione geografica dei server è stata soggetta a variazioni, il che ha comportato un aumento del ping e altri problemi di rete per diversi giocatori. Molti giocatori sono inoltre stati soggetti a problemi di perdita di pacchetti a causa degli accorgimenti implementati da fornitori di servizi esterni per proteggersi dagli attacchi DDoS. Sappiamo che avremmo potuto essere molto più aperti nel comunicare questi cambiamenti, ma allo stesso tempo non volevamo che questo compromettesse i test e fornisse troppe informazioni ai perpetratori degli attacchi DDoS. Detto ciò, vogliamo porgere le nostre sincere scuse ai giocatori che hanno avuto problemi di connettività in questo periodo.

La buona notizia è che la nostra soluzione interna recentemente sviluppata ha ridotto l’impatto degli attacchi DDoS di quasi 85%. Quello degli attacchi DDoS rimarrà un problema reale, ma il nostro team di sviluppo continuerà a lavorare e implementare misure aggiuntive per mitigare l’impatto di questi attacchi.

Gli attacchi DDoS sono considerati azioni illecite e criminali e stiamo raccogliendo tutte le informazioni possibili per intraprendere azioni legali contro i loro fautori.

Modalità Arcade – Problemi di matchmaking del Deathmatch a squadre

Il Deathmatch a squadre è la prima modalità di gioco “Arcade” di PUBG e finora la risposta dei giocatori è stata molto incoraggiante. Sfortunatamente, abbiamo riscontrato alcuni problemi in modalità Deathmatch a squadre che hanno causato un allungamento dei tempi di matchmaking o, talvolta, un mancato abbinamento. Inoltre, è stato identificato un altro problema che a volte faceva sì che una delle due squadre avesse più di 8 giocatori.

Il team incaricato di questa modalità Arcade ha analizzato la causa di questi problemi e ha lavorato per rilasciare un hotfix, il quale ha risolto il problema relativo alla dimensione della squadra. Il problema relativo ai tempi di matchmaking è stato mitigato mediante l’introduzione di alcuni miglioramenti del back-end, ma continuiamo a lavorare a una soluzione permanente.

Mentre continuiamo a lavorare sulle soluzioni, se doveste riscontrare uno dei problemi citati qui sopra, fatecelo sapere mediante i nostri canali della community o tramite PUBG.com/support.

Preset partite personalizzate disabilitati

Abbiamo ricevuto segnalazioni che i preset delle partite personalizzate non funzionano correttamente dall’ultima patch. Questo problema è uno sfortunato effetto collaterale dei miglioramenti apportati al codice di back-end delle partite personalizzate. Nonostante i provvedimenti intrapresi, ci vorrà del tempo per risolvere completamente questo problema. La buona notizia è che il salvataggio e il caricamento di nuovi preset ora funziona correttamente. Ci scusiamo con tutti coloro che sono rimasti coinvolti da questo problema.

Abbiamo inoltre risolto alcuni altri problemi riscontrati dai giocatori, come quelli legati alla visualizzazione delle statistiche, l’impossibilità di creare partite FACEIT e un problema ad una posizione specifica su Karakin che faceva cadere i giocatori attraverso il terreno.

In chiusura

Comprendiamo che ci sono molti altri problemi di alta priorità che possono incidere sul gameplay. Uno dei nostri obiettivi principali per quest’anno è quello di essere più trasparenti su ciò su cui stiamo lavorando, quindi volevamo condividere con voi le informazioni più importanti riguardo ai problemi che abbiamo affrontato di recente.

Continueremo a lavorare sulle questioni irrisolte e faremo del nostro meglio per essere più aperti su questi argomenti nei tempi a venire.

Grazie per l’attenzione!
Il team di PUBG

Discuti questo articolo
Condividi questo articolo